SUCCESSO A FROSINONE PER LO START DI “STORIE DI DONNE”2018

Compartir

previous arrow
next arrow
Slider

La quarta edizione di “Storie di Donne”, la rassegna ideata dall’associazione culturale “Occhio dell’Arte”, si è inaugurata lo scorso 20 novembre a Frosinone, negli spazi della Villa comunale, con il patrocinio del Comune di Frosinone. Il vernissage si è tenuto alla presenza dell’assessore alla cultura, Valentina Sementilli, e dell’assessore al bilancio, Riccardo Mastrangeli, il cui supporto è stato essenziale per l’organizzazione dell’evento. Nonostante il maltempo, l’inaugurazione ha ospitato, come sempre, una serie di premiazioni e anche una mostra, che quest’anno ha goduto del contributo critico di Rossana Calbi e del coordinamento di Francesca Guidi. Il titolo, “Storie di donne”, richiama il tema portante dell’esposizione, che vuole essere uno straordinario tributo all’universo femminile. L’esposizione (che ha anche il sostegno dell’Annuario del Cinema Italiano & Audiovisivi ed è realizzata in collaborazione con l’Accademia AUGE) comprende fotografia, pittura, scultura, sarà visitabile ad ingresso libero fino al 29 novembre ed ospita, inoltre, un’opera del pittore figurativo Mario Russo: la figlia, l’attrice Adriana Russo, ha presenziato alla inaugurazione in veste di madrina. Questi gli artisti protagonisti: Gino Di Prospero, Marco Cesaretti, Francesca Ore, Sabrina Golin, Adriana Mirando, Lino Stronati, Antonino Leanza, Vanessa Macina (pittura), Leonardo Dorsi (scultura), Paolo Orsoni (fortunato vincitore del soggiorno in palio a Villa Liz a Varese) e Marina Rossi (fotografia), Daniela Prata (disegno), Francesca Guidi (installazioni). Per il solo giorno della inaugurazione, sono stati in mostra alcuni manufatti orafi di Meli Gioielli di Firenze, indossati dalle splendide modelle della MTM Events di Massimo Meschino presenti per l’occasione: Sylvia Bednarz, Kinga Milanowska (la nuova Miss “Storie di Donne” 2018), Francesca Sabbatini, Silvia Terriaca, Anxhela Marina Kothere, Angelika Zarzycka.
Presenti anche in grande numero i poeti finalisti della prima edizione del concorso nazionale “Storie di Donne”, organizzato in collaborazione con Monetti Editore (Salvatore Monetti in persona ha distribuito i premi ed i riconoscimenti in palio).
In veste di giurati, Elisabetta Liz Marsigli (giornalista), Carlo Marini (docente dell’Università “Carlo Bo” di Urbino) e Gastone Cappelloni (poeta); presidente di giura, lo stesso assessore Valentina Sementilli.
Al primo posto nella Poesia: Giuseppina Geraldina Riccobono con la composizione “25 Novembre”; ha vinto la pubblicazione personale con Monetti Editore. Al secondo e terzo posto, con diploma e trofeo, sono arrivate rispettivamente Beatrice Monceri ( “Violenza” ) e Augusta Tomassini (“A mia madre”).
Diplomi di merito a: Lucia Merlotti, Marco Cesaretti, Adriana Mirando, Monica Sabella, Annamaria Cerro.
Encomi d’ onore a Mariella di Cioccio, Vincenzo Galluzzi, Lina Fiore.
Premio alla Critica, infine, a Lucia Nardi e Patrizia Valerio.
Il regista, attore e direttore di doppiaggio Giovanni Brusatori si è reso protagonista di un commovente reading dedicato alle liriche vincitrici.
L’evento è stato presentato con maestria da Anthony Peth (popolare volto di La7).
Momento toccante della inaugurazione: l’esperienza personale raccontata davanti al pubblico da parte di Susana Mamani, Presidente de La Casa Boliviana di Roma, che ha ricordato come la violenza contro le donne sia una piaga dell’anima e vada combattuta tutto l’anno come tragico fenomeno sociale da condannare e contrastare tutti insieme, ogni giorno dell’anno.
Tra gli ospiti illustri presenti, si sono riconosciuti il compositore e compositore Franco Micalizzi, lo sceneggiatore e scrittore Marco Tullio Barboni, il giornalista Antonello De Pierro, l’Assessore allo Sport, alle Politiche Sociali e Giovanili di Veroli Patrizia Viglianti.


Nos pueden escuchar:
Paginaweb:www.radiovozlatina.net
Youtubehttps://www.youtube.com/channel/UC-8Voh4C9qBRakjVQpumYxA?view_as=subscriber
Facebookhttps://www.facebook.com/radiovozlatina.net/


Compartir

I commenti sono chiusi.